sport

Estate 2019: sport e dieta, i due elementi del benessere

Prova costume? Niente paura, ma attenzione ai falsi miti legati allo sport e all’alimentazione. Per prima cosa, parliamo delle proteine, che andrebbero razionate a piccole dosi lungo tutto l’arco della giornata e non assunte in una volta sola. Per esempio, una buona colazione prevede latte e yogurt, ricchi di proteine, mentre un sano spuntino con pane e bresaola è un’ulteriore scorta tra i pasti principali.
Carboidrati? Assolutamente sì e senza paura di ingrassare al solo nominarli. Ciò che fa la differenza è il momento in cui si assumono. Ad esempio, se vai in palestra durante la pausa pranzo, non devi lesinare sulla colazione, ma concederti insieme a latte e cereali il lusso di una fetta di torta o di più fette biscottate con marmellata. Un altro segreto: prima di iniziare l’attività fisica, fate una pausa a metà mattinata mangiando un frutto! 

Se i “solidi” in ambito di dieta sono importanti, i liquidi diventano fondamentali per chi fa sport proprio perché qualunque sia l’attività scelta, sudando, si perdono molti liquidi, che vanno subito reintegrati. L’acqua è un compagno di allenamento da portare sempre con sé in una certa quantità, due litri al giorno, almeno, per una adeguata idratazione del corpo. Bere per riequilibrare liquidi e sali minerali persi facendo attività è una regola da imparare e da tenere a mente. Ma c’è un altro aspetto su cui bisogna orientarsi, ovvero la scelta dell’acqua, perché non tutte sono uguali. Se svolgi un’attività fisica è necessario bere un tipo di acqua ricca di minerali, tra cui il potassio, il ferro, il calcio e il magnesio. Questo per ristabilire l’equilibrio non solo idrico, ma anche minerale dell’organismo. Leggi bene le etichette dove sono riportate queste note.

Nella dieta di uno sportivo, immancabile è la frutta. Ma quale? In generale qualsiasi frutto è ottimo per reinserire i sali minerali espulsi sudando durante l’allenamento, quindi è bene portare sempre una mela con sé. Ma se vuoi fare il pieno di energie, scegli frutti carichi di magnesio e potassio come kiwi, melograni e banane, che assicurano una buona idratazione. Nei mesi caldi la frutta di stagione “gemellata” con lo sport è composta da fichi, albicocche e prugne. Un vero toccasana! 

Noci, pistacchi e mandorle sono un trio che ha successo anche nello sport, ma senza eccedere. La frutta secca, infatti, presenta generalmente sostanze antiossidanti e micronutrienti importanti. Va assunta per tanti motivi, per esempio perché è ricca di fibre e grassi essenziali, presenta molte vitamine, sali minerali ed è anche povera di acqua. Un ottimo snack per chi ha bisogno di energia, ma senza eccedere nelle quantità, in quanto iper calorica.

In conclusione, la dieta dello sportivo deve essere molto ben organizzata ed equilibrata, cercando di seguire le indicazioni con regolarità e senza troppi strappi alla regola. Sei il numero dei pasti consigliati durante la giornata, spuntini compresi. Tre sono pasti principali (colazione, pranzo e cena) e due sono spuntini, uno a metà mattinata e l’altro nel pomeriggio, purché siano inquadrati nella giusta proporzione di proteine, carboidrati e grassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *