calendula-che-cose-proprieta-utilizzi-e-controindicazioni

Calendula, il fiore giallo alleato della salute

La primavera porta con sé profumi, colori e…benessere. Tra i fiori che meglio rappresentano questa stagione, la calendula occupa un posto in prima fila. Conosciuta anche col nome di “oro di Maria“, la calendula è un’alleata della pelle e costituisce un rimedio fitoterapico ideale per numerose esigenze. Grazie alle proprietà antisettiche, antinfiammatorie e cicatrizzanti, aiuta la guarigione dell’epidermide. Da secoli, le pomate a base di calendula vengono utilizzate in caso di ustioni, ferite e cadute, punture di insetti, geloni, screpolature e calli.

Per chi ha la pelle sensibile, si consiglia un massaggio con un olio alla calendula. Benessere assicurato. L’ideale è utilizzare gli oli vegetali sulla pelle umida, per esempio subito dopo la doccia, per agevolare la penetrazione nei tessuti. In caso di infiammazioni, è possibile effettuare un impacco preparando un decotto di fiori secchi di calendula, da applicare sulla pelle con una garza, oppure scegliere la “tintura madre” di calendula diluita in acqua.

La calendula risulta benefica anche per la salute femminile: può aiutare ad alleviare i dolori mestruali e a regolarizzare il flusso sanguigno. Stimola inoltre il lavoro del fegato e dona sollievo a gengiviti e afte grazie al suo potere antinfiammatorio. Ma non solo, la calendula è anche un alleato naturale per chi soffre di problemi di stomaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *