plastica-770x470

Ue, addio plastica monouso dal 2021

Stop alle plastiche monouso all’interno dell’Unione Europea. A Strasburgo una maggioranza schiacciante ha approvato in via definitiva una nuova direttiva che impone, entro il 2021, agli stati membri, di vietare l’uso di una serie di articoli in plastica monouso come piatti, posate, cannucce, bastoncini cotonati, mescolatori per bevande e aste per palloncini. L’accordo politico era già stato raggiunto a dicembre scorso.

Secondo il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, è stato un voto unico nella storia del Parlamento europeo “per arrivare allo stop della plastica monouso in Ue”. “Appena l’iter formale sarà concluso – ha aggiunto Costa – orientativamente a fine aprile, ci attiveremo immediatamente per il recepimento della direttiva in Italia”.

Anche per Legambiente è un passo importante per lavorare a un futuro migliore nell’ottica dell’ecosostenibilità. “Il voto da parte dell’Europarlamento sulla Direttiva sui prodotti di plastica monouso è un passo importante nella lotta all’inquinamento da plastica non gestita correttamente che finisce nei nostri mari, fiumi e laghi” ha commentato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente. “Soprattutto, si invia un forte messaggio ai governi nazionali ad essere ambiziosi e celeri; a partire dall’Italia che deve giocare un ruolo da protagonista”.

Il provvedimento è stato approvato con 560 voti a favore, 35 contrari e 28 astenuti. Secondo la direttiva, inoltre, entro il 2029 gli Stati membri dovranno raccogliere attraverso la differenziata il 90% delle bottiglie di plastica. La normativa prevede anche che entro il 2025 le bottiglie di plastica debbano contenere almeno il 25% di contenuto riciclato, per passare al 30% entro il 2030.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *