pexels-rathaphon-nanthapreecha-3846205

Mobilità, stop ad automobili diesel e benzina entro il 2035?

Ci sono 27 multinazionali che spingono per azzerare la vendita di auto diesel, benzina e ibride entro il 2035. L’appello dell’organizzazione no-profit Transport & environment e accolto da aziende come Coca-Cola, Ikea, Enel X, Novamont e Uber è stato rivolto al Parlamento europeo, alla Commissione europea e ai governi dei Paesi membri. La corsa alla mobilità alternativa è una cosa seria e anche le multinazionali stanno investendo per inaugurare “una nuova era di mobilità a zero emissioni”.

Nel comunicato si legge che “con un obiettivo di CO2 per i costruttori di veicoli a 0 grammi per chilometro si sancirebbe l’eliminazione graduale delle auto a benzina e diesel (compresi gli ibridi)”. In attesa dei nuovi obiettivi della Ue, attesi per giugno, tra cui la diminuzione del 55% delle emissioni complessive entro il 2030, si potrebbe attuare “una trasformazione sistemica” per rendere “l’Ue leader globale in un settore chiave per un futuro a zero emissioni“.

A firmare la proposta, oltre a 27 aziende internazionali, anche 6 associazioni di automotive, energia, sanità, finanza. I firmatari spiegano come “autovetture e veicoli commerciali leggeri siano responsabili non solo del 15% di tutte le emissioni di CO2 in Europa”, ma anche della “maggiore fonte (26%) di emissioni tossiche di ossido di azoto, che provocano malattie croniche e la morte prematura di 54mila europei ogni anno”. I veicoli elettrici sono sempre più presenti nelle città europee e nel 2020 sono stati il 10%. del totale venduto. Stabilire una data per la svolta definitiva verso la mobilità elettrica sarebbe un primo passo importante.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *