Artiglio-del-diavolo-fiori

Curare il mal di testa coi rimedi naturali: i consigli di WhyBio

Il mal di testa non vi permette di lavorare, studiare o semplicemente trascorrere una giornata di relax? Esistono dei rimedi naturali molto efficaci e per nulla invasivi, ma bisogna sempre prestare attenzione a come vengono impiegati. Ogni disturbo può infatti essere risolto con l’aiuto di una pianta che ha specifiche caratteristiche. Innanzitutto bisogna saper distinguere tra mal di testa, cefalee, emicranie, perché le differenze, anche se piccole, sono molto importanti per trovare un rimedio adeguato.

Le piante cefaliche sono piante calmanti che guariscono emicranie e mal di testa di origine nervosa. Tra queste vi sono la valeriana, la lavanda, i fiori d’arancio, il tiglio, il serpillo, il timo, la pulsatilla e il limone. Alcuni rimedi sono davvero semplici da preparare, per esempio si può bere un bicchiere di acqua e limone per sconfiggere un mal di testa collegato alla cattiva digestione. A tal proposito, le sostanze contenute in tè o caffè, ovvero teobromina e teofillina, possono venire in aiuto. Attenzione però a non abusarne per non avere l’effetto opposto.

I festeggiamenti per il compleanno sono andati per le lunghe? Rosmarino, iperico e dulcamara sono quello che serve per far passare la sbornia. Se il mal di testa è causato dalla tensione muscolare la soluzione è l’artiglio del diavolo. Per il mal di testa da stress sono invece consigliati il tiglio e la melissa. Per rendere la bevanda più gustosa si possono aggiungere foglie di menta o due gocce di fiori d’arancio o ancora scorza di limone. Anch’essi sono ottimi per le cefalee.

A questo punto la domanda sorge spontanea: come preparare i rimedi naturali a base di erbe? È sufficiente far bollire l’acqua e lasciare in infusione un paio di cucchiaini di foglie o estratti di fiori per 10 minuti circa. Una volta pronta, versare la tisana in una tazza filtrando con un colino e aggiungere come dolcificante naturale il miele, per chi gradisse una bevanda più zuccherata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *